I rappresentanti di Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Piemonte, Toscana, Trentino Alto Adige e Umbria, e delle città di Bolzano, Como, Imperia, Milano e Napoli si sono dati appuntamento al Padiglione della Colombia, insieme ai referenti di aziende e associazioni di categoria, per approfondire le potenzialità d’investimento e le opportunità commerciali che la Colombia offre al mercato straniero. “L’obiettivo della Colombia a Expo è rafforzare i rapporti commerciali con l’Italia attraverso incontri b2b tra delegazioni italiane e colombiane. In questo modo puntiamo a convincere le aziende italiane che la Colombia è il partner ideale per investire in America Latina” ha dichiarato Juan Pablo Cavelier, commissario del Padiglione colombiano. Un quadro normativo competitivo, un ampio ventaglio di zone franche, e una posizione geografica ottimale sono solo alcuni degli aspetti che rendono la Colombia una “hub” ideale per l’America Latina, un luogo sicuro e strategico per le aziende straniere che desiderano espandersi oltreconfine. La Colombia promuove la sostenibilità degli investimenti a lungo termine e facilita l’integrazione commerciale grazie all’adozione di misure fiscali e accordi internazionali. Sono infatti 13 i trattati di libero scambio già in atto con differenti Paesi, fra i quali l’Unione Europea, e 23 gli accordi internazionali che consentono alla Colombia di giocare un ruolo di primo piano nel campo del commercio globale grazie all’accesso preferenziale a circa 1.500 milioni di consumatori. Il Paese ha inoltre messo in atto 16 convenzioni volte ad evitare la doppia imposizione fiscale. “La Colombia non è solo un Paese meraviglioso per la sua ricchezza naturale, ma sta attuando una vera e propria rivoluzione da tutti i punti di vista, in particolar modo in campo commerciale industriale e di sviluppo” ha dichiarato Fabrizio Grillo, Segretario Generale del Padiglione Italia. “E’ un paese che in questi anni ha saputo accrescere la sua capacità di attrazione di capitali e d’investimento in maniera davvero notevole”. Secondo il rapporto di Doing Business della Banca Mondiale, la Colombia è al 3° posto nella classifica dei Paesi con maggiori opportunità commerciali e ha attuato il piano di riforme più ambizioso nel contesto latinoamericano. E’ inoltre il 6° Paese su scala mondiale e il 1° della regione in materia di tutela degli investimenti. Il tasso d’inflazione più basso del continente, un’occupazione in continua crescita e un PIL pro capite che dal 2000 ad oggi è quasi raddoppiato sono alcuni fra gli aspetti che contribuiscono alla stabilità che contraddistingue oggi il Paese. Sono già 16.000 le aziende italiane presenti sul territorio colombiano in particolare nei settori dell’infrastruttura, tra cui Impregilo, attualmente impegnata nella costruzione di due centrali idroelettriche e del terzo tratto della Ruta del Sol, dell’energia tra cui Eni ed Enel, della moda con brand prestigiosi quali Dolce e Gabbana, Ferragamo, Diesel, Furla e Benetton, nonché del settore assicurativo con Generali e alimentare con Ferrero, che ha recentemente spostato i suoi uffici direttivi dall’Ecuador a Bogotá. Questi sono solo alcuni esempi di come il Paese ha saputo attrarre partner e investitori italiani negli ultimi anni, dando il via a una continua e proficua collaborazione tra le due Nazioni che punta ad espandersi ed ampliare il numero dei settori produttivi coinvolti. “Lo scambio di know-how nel campo agroalimentare in particolare per quanto riguarda le certificazioni di qualità, i settori della logistica e della moda sono tra gli aspetti più interessanti per la nostra Regione” ha affermato Silvia Burzagli, Vice Direttore dell’Agenzia di Promozione Economica della Regione Toscana al termine della presentazione. “Da parte nostra c’è grande interesse verso la Colombia e gli incentivi che offre ci portano a prendere in seria considerazione la possibilità di una futura collaborazione anche per quanto concerne le attività produttive” conclude Raffaello Benetti, rappresentante della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Milano. Nei prossimi mesi saranno numerose le visite di delegazioni colombiane volte a presentare le potenzialità del Paese in specifici settori economici e produttivi a investitori sia Italiani che Europei con l’obiettivo di sviluppare partnership, collaborazioni e accordi commerciali. La partecipazione della Colombia a Expo Milano 2015 è uno sforzo congiunto del governo Colombiano e delle imprese private per posizionare il Paese a livello internazionale. In linea con il tema dell’esposizione universale, la Colombia presenta la sua ricca offerta agricola e il grande potenziale delle coltivazioni del Paese, in particolare l’alta qualità di caffè, cacao, frutta esotica, canna da zucchero, fiori e altri prodotti.Fonte: http://www.gonews.it/2015/07/24/la-colombia-presenta-le-sue-potenzialita-dinvestimento-a-regioni-e-aziende-italiane/